Brugnello, borgo immerso nella Val Trebbia

trave887180 views

Quando è stata l’ultima volta che siete rimasti a bocca aperta durante un viaggio? Non ve la ricordate? Beh allora se volete rimediare dovete assolutamente visitare Brugnello.

Non è un Borgo come tutti gli altri. Recentemente è stato ristrutturato da artisti locali, ed il loro tocco magico è ben visibile fin dal primi passi tra le pochissime vie del borgo, vi basterà dare uno sguardo alle bellissime persiane di legno lavorato, arricchite da un’infinità di fiori.

Un posto così bello è la fortuna per i soli 11 abitanti, che possono godere ogni giorno di uno dei borghi più belli dell’Emilia Romagna.

Poche case, una chiesa e un ristorante a strapiombo sulla Val Trebbia; non vi aspettate di trovare molto altro, ma il  bello è la cura con cui tutto viene conservato nonostante sia un paesino non proprio comodo da raggiungere.

Finito il giro delle poche vie? Beh… ora vi aspetta il momento più bello. Dalle diverse balconate presenti dietro la chiesa o dietro le case vi potrete godere uno dei panorami più belli d’Italia. 

Una vista panoramica quasi a 360° sul canyon attraversato dal fiume Trebbia.

Come raggiungere Brugnello?

Come vi abbiamo già anticipati, arrivare a Brugnello non è proprio “comodo”. La strada che incontrerete all’uscita dall’autostrada vi farà letteralmente innamorare della Val Trebbia e di tutto ciò che la caratterizza, soprattutto se siete dei motociclisti. Continui sali scendi con un’infinità di curve, immersi nella natura con i suoi colori brillanti. Poco dopo aver superato Bobbio, un altro dei bellissimi borghi della Val Trebbia, troverete una svolta con l’unica indicazione per Brugnello.

E’ proprio li che inizia la salita che si inerpica per circa 3 km, fino a raggiungere i 500m di altezza.

Dalle foto non si vede, perchè effettivamente il borgo è situato molto in alto, ma nel Trebbia è possibile fare il bagno; ci sono diverse spiaggie sparse nella valle; vi basterà parcheggiare l’auto e raggiungerle comodamente a piedi.

Leave a Response